Al fine di promuovere e sostenere l’inclusione sociale, le pari opportunità e l’accessibilità ai servizi dei cittadini con disabilità anche presso gli impianti di distribuzione carburanti nel 2019 è  stata lanciata, insieme alla Federazione delle Associazioni Italiane delle Persone con lesione del midollo spinale (FAIP Onlus) e le Associazioni di categoria FAIB Confesercenti, Fegica Cisl e  Figisc/Anisa Confcommercio l’iniziativa «Self per tutti» in base alla quale, a far data dal 1° febbraio 2020, gli automobilisti disabili che si fermeranno presso gli impianti di distribuzione

carburanti aderenti, contrassegnati dall’apposito logo, potranno usufruire durante l’orario di apertura dell’assistenza del gestore anche presso le colonnine di distribuzione adibite al self-service e quindi delle condizioni previste per tale modalità di rifornimento.

Si tratta di un’iniziativa su base volontaria alla quale hanno aderito, ad oggi, circa 450 impianti facenti capo a ENI, Q8 e Tamoil, associate ad unem.

Per poter accedere a tale servizio è necessario che la persona con disabilità sia in possesso del proprio CUDE (Contrassegno Unificato Disabili Europeo), apposto sulla parte anteriore del  veicolo, come previsto dalle vigenti norme in materia, oltre ad essere alla guida del veicolo stesso, ma impossibilitato, a causa della sua condizione di disabilità, ad effettuare il rifornimento  in maniera autonoma». L’iniziativa non ha alcun collegamento con le agevolazioni riferite alla Legge 104/92 e/o altre agevolazioni previste. 

Consulta l'elenco punti vendita aderenti