DOWNLOAD 2021.1.20 Comunicato consumi petroliferi dicembre 2020

Roma, 20 gennaio 2021

L’ANDAMENTO DEI CONSUMI PETROLIFERI NEL 2020

 DICEMBRE 2020

  • I consumi petroliferi di dicembre, pari a circa 4,2 milioni di tonnellate, in calo del 15,6% (-783.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2019, sono in linea con le nostre previsioni e riflettono integralmente gli effetti delle molteplici misure emanate nel corso del mese per contenere e gestire il diffondersi della nuova ondata di Covid-19 che, di fatto, hanno limitato gli spostamenti, invece generalmente intensi durante le festività.
  • I consumi di carburanti autotrazione (benzina+gasolio), con un giorno lavorativo in più, sono risultati pari a 2,2 milioni di tonnellate, di cui 0,5 milioni di benzina e 1,7 milioni di gasolio, con un decremento del 14,6% (-375.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2019.
  • A pesare sui consumi di carburanti è stato il protrarsi delle limitazioni regionali decise per fasce. Anche i progressivi passaggi, nel corso del mese, alla fascia meno restrittiva in diverse Regioni inizialmente in zona rossa (es. Lombardia, Piemonte, Valle D’Aosta, Calabria, Campania, Toscana e Provincia autonoma di Bolzano), così come il passaggio di altre dalla zona arancione alla zona gialla, non è stato in grado di attenuare gli effetti delle limitazioni che, in concomitanza del periodo natalizio, sono state inseverite ed estese a tutto il territorio nazionale.

 

  • In particolare:
  • la benzina totale ha mostrato un calo del 22,4% (-137.000 tonnellate) rispetto a dicembre 2019, simile l’andamento della benzina venduta sulla rete (-22,9%);
  • il gasolio autotrazione ha evidenziato un decremento del 12,2% (-238.000 tonnellate), mentre il gasolio venduto sulla rete del 18,5%, in conseguenza di un andamento meno negativo per il gasolio extra-rete usato soprattutto per il trasporto merci (-6,4%).
  • Ancora molto negativo il carburante per aerei che, con un -69% rispetto allo stesso mese del 2019, non mostra alcun segnale di recupero, sebbene la componente dell’aviazione militare, ancora in forte crescita (+105,8%), abbia leggermente attenuato il drastico calo degli usi per l’aviazione civile (-76%).
  • Tra i principali prodotti petroliferi si conferma in territorio positivo, anche per questo mese, il bitume (+18,6%), grazie ad una generalizzata attività di manutenzione stradale anche a livello comunale e alla forte richiesta del comparto industriale.
  • Per il mese di gennaio 2021, stando ai dati del nostro “modello dinamico” e in base alle informazioni al momento disponibili, stimiamo volumi complessivamente ancora in calo di oltre il 15% rispetto allo stesso mese del 2020 e di oltre il 17% rispetto al gennaio 2019, considerando le recenti disposizioni (in vigore fino al 5 marzo) e il fatto che oltre l’81% dei volumi dei carburanti erogati sul territorio nazionale nel 2019 cadono nuovamente nelle zone rosse e arancioni.
  • Quanto alle attese per tutto il 2021, molto dipenderà dall’evoluzione della pandemia e dalle conseguenti misure adottate sia per il suo contenimento che per attenuarne l’impatto sull’economia. Certo è che il recupero dei volumi sarà lento e parziale rispetto a quanto perso nel 2020. Altro elemento chiave sarà l’esito delle vaccinazioni su scala internazionale, in grado di incidere sul recupero dei flussi turistici, atteso nella seconda parte dell’anno, che consentirebbe non solo il rilancio delle attività connesse (viaggi, alloggio e ristorazione), ma anche la graduale ripresa della movimentazione del traffico aereo.
  • In ultimo, si ricorda che nel mese di dicembre le immatricolazioni di autovetture nuove, nonostante gli incentivi, peraltro rinnovati con l’ultima legge di bilancio, hanno evidenziato un calo del 14,9%. Nonostante la forte crescita delle ibride, quasi il 70% delle vetture immatricolate nel mese hanno ancora una alimentazione “tradizionale”.

 

 ANNO 2020

  • In linea con le nostre stime, i consumi petroliferi italiani sono ammontati a 49,9 milioni di tonnellate, in calo del 17,1% (-10.267.000 tonnellate) rispetto all’anno 2019. Valori complessivi mai così bassi nella storia italiana dai tempi del boom economico degli anni ’60, anche nell’ampiezza. Mai era accaduto che in un solo anno si avessero riduzioni dei consumi superiori a 10 milioni di tonnellate, semmai rilevate in più anni, di particolare criticità, come ad esempio le crisi petrolifere dei primi anni 80 o, in tempi più recenti, nella crisi economico-finanziaria dei primi anni dello scorso decennio (2012-2014).
  • I consumi di carburanti autotrazione (benzina+gasolio) sono risultati pari a 25,6 milioni di tonnellate, con un decremento del 17,7% (-5.513.000 tonnellate) rispetto all’anno scorso.
  • In particolare, rispetto all’anno 2019:
  • la benzina totale ha mostrato un decremento del 21,2%;
  • la benzina venduta sulla rete ha mostrato un calo del 21,1%;
  • il gasolio autotrazione ha evidenziato una flessione del 16,6%, mentre il gasolio venduto sulla rete del 20%.
  • Nel 2020 le immatricolazioni di autovetture nuove hanno evidenziato una riduzione del 27,9% con oltre 530.000 vetture in meno immatricolate rispetto al 2019. Quelle a benzina hanno rappresentato il 37,8% del totale (era il 44,5% nel 2019), quelle diesel il 32,7% (era il 39,8% nel 2019), mentre le ibride il 18% (era il 6,9% nel 2019).
  • Quanto alle altre alimentazioni, nel periodo considerato il peso delle auto a Gpl è stato del 6,8%, a metano del 2,3% e delle elettriche del 2,4%.