DOWNLOAD 2021.02.04 Comunicato Progetto Riqualificazione ambientale

Roma, 4 febbraio 2021

“Progetto Riqualificazione Ambientale”: il programma di attività per il 2021

Si è tenuta, in videoconferenza, la riunione programmatica 2021 del “Progetto Riqualificazione Ambientale” a cui hanno partecipato i referenti del progetto unitamente agli esperti aziendali delle Associate ad unem.

L’incontro è stata l’occasione per programmare le attività per il 2021 che si concentreranno sulle varie tematiche inerenti all’economia circolare, con approfondimenti su tecnologie, criteri misurazione della sostenibilità dei progetti – anche in ambito PNRR – e la riqualificazione rete carburanti. Verrà inoltre rafforzata la partecipazione alle principali manifestazioni dedicate al settore, nonché l’organizzazione di eventi e l’attività di formazione con le Università. Di particolare rilievo l’avvio di una serie di attività con Ispra, in attuazione dell’accordo di collaborazione sottoscritto ad ottobre scorso con unem, per la promozione della sostenibilità ambientale e dell’innovazione tecnologica nelle attività di bonifica e di riqualificazione ambientale.

Parte della giornata è stata dedicata ad approfondire alcuni aspetti legati al tema delle bonifiche, con la partecipazione di: Fabio Pascarella (ISPRA) che ha presentato un’analisi tecnica dei dati relativi ai siti di bonifica regionali e ai siti di interesse nazionale (SIN); Cosimo Pacciolla (Kuwait Petroleum Italia e membro comitato scientifico Remtech) che ha affrontato l’argomento giuridico dello strumento penalistico nella tutela dell’ambiente; Marco Petrangeli Papini (La Sapienza Università di Roma) con un contributo sulla formazione universitaria specialistica.

Il “Progetto Riqualificazione Ambientale” nasce nel 2019 con l’obiettivo di diffondere le conoscenze tecnico-scientifiche su particolari aspetti innovativi o di sostenibilità degli interventi di risanamento; concorrere all’elaborazione di linee guida di interesse del settore anche attraverso il confronto con enti ed istituzioni pubbliche; monitorare l’applicazione di norme speciali di settore; organizzare workshop o seminari con altri soggetti interessati, anche con valenza di aggiornamento professionale specifico.

Ad oggi aderiscono al Progetto 14 aziende: Ambiente, Arcadis, B&A Consultancy, Ecotherm, Eni Rewind, Jacobs, Mares, Petroltecnica, Stantec, S.M.S., TB Bonifiche, Tralice Costruzioni, Wolftank DMG, Wood.